a casa d’antan : ovvero quando la blogger è in vacanza

Quando una blogger CFStyle va in vacanza, anche solo per due giorni, finisce sempre che la deformazione professionale prenda il sopravvento…

E così, appena varcata la soglia dell’appartamento che abbiamo affittato a Torino tramite airbnb, ho cominciato a scattare foto su foto e a ricreare mini allestimenti, mentre il povero Erich fremeva per uscire.
Ma è talmente grazioso e pieno di spunti deco e fai da te – in una parola casafacilestyle – che non potevo non scattare e condividere con voi queste foto! Perché questo piccolo appartamento riassume perfettamente quello che, secondo me, è la base del CFpensiero: basta poco per rendere un appartamento una casa. Un po’ di gusto, di fantasia e di manualità… [o almeno conoscere qualcuno che ne abbia!]

E in questo caso i nostri ospiti hanno tutte le caratteristiche. Ok, è vero, qui siamo sicuramente agevolati dal fatto che sono entrambi due architetti e che c’erano ottime finiture di partenza (solo gli infissi originali recuperati sono strepitosi), ma non sempre le due cose da sole sono in grado di dare dei buoni risultati. A volte mi capita di vedere delle case lasciate dall’architetto fredde e vuote come la sala d’aspetto di un ambulatorio. E invece tutte le case meritano un po’ d’amore! Anche un appartamento in locazione!

gusto: beh, direi che il gusto dei nostri ospiti è evidente! Hanno saputo mescolare con stile ed equilibrio pezzi di recupero, mobili ikea, acquisti da mercatino, ricordi di viaggio, pagine di vecchi libri… Riscaldando e personalizzando uno stile prevalentemente nordico con piccoli tocchi etnici o rustici.

fantasia: ci vuole molta fantasia per pensare di usare un vecchio cancelletto come griglia per appendere gli abiti. E se poi ci aggiungi, a contrasto, delle grucce moderne e divertenti, il risultato è assicurato!

manualità: non è necessario avere chissà quali abilità manuali per dare un tocco personale alla casa. Casa d’Antan è la prova che a volte basta rivestire il fondo di un cassetto di un vecchio comodino con carta da pacchi a fantasia, aggiungere etichette colorate ai barattoli della cucina, o sostituire i pomelli delle ante di cucina e armadio che già la casa diventa un po’ più “tua”.

cucina tris

corridoio tris

camera tris

bagno tris


Se volete andare qualche giorno a Torino e prenotare anche voi dalla famiglia d’Antan la trovate qui. Sono molto gentili e la zona è centralissima. Che la casa poi sia graziosissima, beh… dovrei averlo già detto!

DSCF5124x


Nella stessa strada di Casa D’Antan c’è un locale fantastico – Barbiturici – arredato come un vecchio ambulatorio completo di piastrelle diamantate, lampadari anni ’40, armadietti stracolmi di medicinali e scheletri di plastica. Purtroppo in quel momento non avevo con me la macchina fotografica (grave-blogger-mancanza)…

Ma poi mi sono rifatta scattando a più non posso nel ristorante vegan & raw Soul Kitchen che è sempre sulla stessa via [giuro che ci siamo anche spostati da lì!]. Ecco qui un po’ di foto:

ristorante x 4

9 pensieri su “a casa d’antan : ovvero quando la blogger è in vacanza

    • Non ho dubbi sulle tue capacità manuali… Così come sul tuo gusto e sulla tua fantasia! Direi che anche tu rientri a pieno, pienissimo titolo nella categoria!

    • Hai proprio ragione Lallabel: pavimento bagno e Barbiturici strepitosi! Mannaggia a me che mi ero separata per un attimo dalla macchina fotografica… Prima di ripartire siamo anche tornati per scattare e mangiare, ma era chiuso! 🙁

  1. Pingback: Foligno, l'appartamento per il "WeekHand"

  2. Pingback: I diari dell’appartamento | Famiglia d'Antan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *