la rivincita dell’accumulatrice seriale

67 Caro Diario,

Oggi ho raggiunto una nuova consapevolezza: sono un’accumulatrice compulsiva.
Poi 65 striminziti metri quadri e un fastidiosamente ostinato spirito di sopravvivenza  mi costringono puntualmente ad un salutare quanto doloroso periodico repulisti.

Più che cernite, i miei periodici repulisti sembrano delle sedute spiritiche… Inizio col prendere tra le mani l’articolo in sentore di bidone, lo guardo e lo riguardo, lo giro e lo rigiro, e infine invoco la sua anima affinché mi illumini su una sua ben che minima utilità. Nonostante le migliori intenzioni, temo di non avere grandi doti medianiche, perché solitamente l’illuminazione arriva quando la cianfrusaglia in questione è già passata a miglior vita da diversi mesi…
Poi, per fortuna, esistono inutilità di una tale manifesta bellezza che se la cavano (quasi) ad ogni seduta spiritica, indipendentemente dalle mie altrettanto manifeste in-capacità paranormali.
E quando riesco a trovar loro una posizione e uno scopo nel mondo (che è il nostro appartamento), l’accumulatrice che è in me gioisce per averle saggiamente, pazientemente e amorevolmente conservate.

E devo dire che questa volta l’accumulatrice che è in me è particolarmente soddisfatta. Una malconcia griglia da esposizione, vecchi cataloghi, piccoli scampoli di tessuto, ritagli di carta da parati, nappe attempate: tutti degli scampati al bidone che ora fanno bella mostra di sé in camera da letto, insieme a vecchi acquisti che non avevano ancora trovato una sistemazione: specchi Zara Home e lettere al neon Seletti. [E uno special thanks lo devo a Ibride, ditta francese che ADORO e dai cui vecchi cataloghi gelosamente conservati ho tratto immagini meravigliose].

La griglia l’avevo riverniciata già da un po’, ma non sapevo ancora come né dove piazzarla… L’idea iniziale era un po’ più sobria: appendere vecchie foto e qualche frase. Poi alla Milano Design Week, dopo averne viste di tutti i tipi e tutti i colori, ecco la rivelazione: una moodboard!

Quale scusa migliore di una moodboard per accumulare scarti?! Una moodboard è la rivincita delle accumulatrici seriali!
Ora con tutto questo popò di roba appesa sono pronta ad accumulare… polvere!
5
31

 

14 pensieri su “la rivincita dell’accumulatrice seriale

  1. Favoloso… Davvero un sogno, le lettere neon poi sono il tocco magico.
    Io voglio metterti in tasca e portarti a casa mia, sono sicura che me la trasformeresti nella casa che vorrei!

    • Uffi! Mi ero persa il tuo commento speciale! <3 Grazie Laurì! Ma con le doti che avete tu e l'idraulico sono convinta che trasformerete da voi la vostra casina nella casa dei vostri sogni, un pezzo alla volta! Siete troppo bravi!

  2. Lucia, ogni dettaglio è un tocco di classe e la moodboard è meravigliosa… e anche utile (cosí anche la nostra coscienza è salva 😉 )

    • Mi accorgo solo ora di non aver mai risposto a te, proprio a te, la mia Ale! Scusa! Questa è proprio la conferma del mio disordine fisico e… mentale! 😛

    • Uhhhh! ADORO quelle ciotole! Sono talmente belle che anche solo il dépliant fa una gran figura sulla mia moodboard! P.S. Grazie per avermi dato dell’accumulatrice ordinatissima… ma se vedessi la stanzina dove accumulo… cambieresti idea!!! 😛

    • Grazie mille cara! E’ un grandissimo onore averti fatto luccicare gli occhi! 😉 Anche tu quindi sedute spiritiche con le cianfrusaglie?!?

  3. Meravigliosa la tua mood board e ancor più meravigliosa tu con questo fantastico racconto! Come mi riconosco nelle tue parole!!! Davvero bella tutta la camera (da quel pochino che s’intravede allo specchio! Complimenti!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *