a casa di m

La Signora M. mi chiamò per un comodino che le era stato regalato e che portava su di sé i segni evidenti di diverse battaglie.
La prima battaglia evidente l’aveva combattuta con i tarli. C’erano moltissimi fori aperti (il retro e il fondo grezzi, come spesso accade erano una vera gruviera) e anche parecchi fori già chiusi in precedenza. Segno che una prima lotta con i tarli era già stata combattuta, ma persa e che i nemici erano implacabilmente ritornati ad assediare le sue assi.
Poi c’erano i segni lasciati dalle intemperie. Il comodino era stato lasciato per anni in una veranda dove i piedi avevano preso parecchia acqua e i fianchi parecchia luce.
Ma la cicatrice più evidente di tutte era quella che il comodino portava proprio sul piano. Quello che inizialmente pensavo fosse stato semplicemente rivestito con un bruttissimo piano in laminato dello stesso colore, ho in realtà successivamente scoperto essere stato completamente sradicato e sostituito da cotale orrendità laminata.

La Signora M. mi chiese di provare a fare rivivere questo sofferente comodino, senza cambiarlo troppo.
La sfida questa volta era quindi quella di esaltare la natura di un vecchio mobile già snaturato, decorandolo il meno possibile.
Dopo aver fatto due trattamenti antitarlo diversi (giusto per essere certi che questa volta la battaglia volgesse a nostro favore), dopo aver chiuso tutti i fori, rincollato le parti di impiallacciatura staccata e rilucidato tutta la superficie del mobile, ho deciso, proprio come per un combattente ferito in battaglia, di ripartire dalle cicatrici. Sarebbero diventate i nuovi punti di forza del comodino.
E così i piedini annacquati hanno assorbito nuova energia dal colore e il piano che non poteva più essere restaurato ha preso nuova vita dalla fantasia di un tessuto, in linea [ma non troppo] con l’arredamento classico della stanza.
Visto che l’energia poi viene da dentro, non ho potuto resistere e aggiungere i colori del tessuto anche all’interno del mobile.
Infine con degli scarti di tessuto e passamaneria che avevo conservato, ho creato una nappa, per festeggiare il ritorno del comodino.
Che ne dite, sfida vinta?

X PRIMA E DOPO FRONTALE SOPRAX 1 X 2 X 3

2 pensieri su “a casa di m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *