scritta adesiva fai-da-te

Visto che in uno degli ultimi post vi avevo parlato del nostro bagno, per questo tutorial sono andata a ripescare un lavoro semplice semplice che avevo fatto un po’ di tempo fa.
Pronti per realizzare una scritta adesiva fai-da-te? Ecco di seguito le istruzioni.

Prima di partire però vorrei soffermarmi un attimo sul discorso “adesivi” da parete.
Nel tempo ho provato sia stickers industriali (quelli standard, non riposizionabili) che adesivi fai-da-te realizzati a partire da pellicola vinilica adesiva (quella che vendono al metro in ferramenta o in cartoleria) come in questo caso.
Nella mia (modesta) esperienza posso dire che tendenzialmente: gli stickers industriali aderiscono molto meglio alla superficie (specialmente al muro) ma si staccano anche più difficilmente. Non ho mai avuto problemi di resti di pellicola o distaccamenti di strati di parete con l’adesivo al metro (ma possibili residui di colla, sì).
Perciò prima di procedere, fate una prova e vedete se la pellicola adesiva aderisce sufficientemente alla vostra superficie (più è ruvida, più fatica farà).
In caso contrario i casi sono due: o vi armate di pennelli e pazienza e riportate la vostra scritta direttamente sulla parete oppure vi rivolgete ad uno dei tanti siti che riproducono la vostra frase su sticker (senza dubbio il costo sarà molto diverso… ma immagino anche il risultato!)
Nel mio caso, non avevo problemi perché la scritta andava sulle mattonelle.

tutorial scritta
Occorrente:

– Carta vinilica adesiva
– Stampante e carta
– Carta copiativa
– Forbicine o taglierino
– Scotch di carta
– Squadra o riga
– Metro

Procedimento:

1 Una volta decisa frase, carattere e dimensione (può aiutarvi fare qualche prova stampa), stampate la vostra scritta – se avete la possibilità, stampatela rovesciata. N.B. Se avete una stampante A4 ogni parola verrà divisa su più pagine, perciò dovrete ricomporle unendo i fogli tra loro con l’aiuto di una riga e un po’ di nastro adesivo. In alternativa, andate in copisteria e fate stampare la scritta su rullo.
2 Dopo aver ricomposto le singole parole, tracciatene il contorno sulla carta adesiva aiutandovi con della carta copiativa. N.B. Se come me non avete potuto stampare le parole già rovesciate, ricordatevi di rovesciare il foglio e tracciate quindi il contorno che vedete in trasparenza.
3 Ritagliate la scritta con l’aiuto di forbicine piccole e appuntite o se preferite con un taglierino.
4 forse Se non l’avete già fatto prima, decidete la posizione delle parole, aiutandovi con dello scotch di carta.
5 Nel posizionamento bisogna essere molto precisi, quindi aiutatevi con un metro per l’equidistanza tra la parole e con una riga e una livella per la orizzontalità* (io avevo le fughe delle piastrelle a darmi una mano). Se non volete/potete tracciare una riga leggera con la matita, come linea di riferimento per le parole potete usare dello scotch di carta come ho fatto io.
6 E ora… attaccate!

Et voilà!
Ve l’avevo detto che era facile, no?
 

* perdonate la parola assurda che ho tirato fuori, ma… sono ore che cerco un sostantivo per descrivere qualcosa di “dritto”, ma non lo trovo! Suggerimenti?!? 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *